4

Un’arte quasi dimenticata

Ehilà! Oggi facevo una riflessione ed ho subito pensato che mi sarebbe piaciuto condividerla qui. Non so perché mi sia venuta in mente questa cosa, ma mentre al bar guardavo i miei amici incollati al cellulare a digitare ininterrottamente ho pensato alle lettere. Ricordo che fino a qualche anno fa amavo scrivere lettere, in realtà ogni pretesto era buono per farlo, le scrivevo ad amici, al fidanzatino, scrivevo vere e proprie lettere ma anche bigliettini che poi lasciavo sul tavolo solo per dare il buongiorno alla mia famiglia. Se qualcuno di loro doveva partire scrivevo un biglietto che poi lasciavo sopra la valigia, dopo una lite era un modo per chiedersi scusa, capitava addirittura che a volte le spedissi, anche se dovevano arrivare a poche centinaia di metri da casa mia. La cosa che più mi piaceva era la magia nello scrivere la lettera: scegliere la carta giusta, il giusto spazio tra le righe, la grafia più adatta, anche la scelta delle parole era particolarmente curata. Mi piaceva aggiungere la data e l’ora di stesura, firmarla, ammirarla soddisfatta.

Mi rendo conto di aver perso questa abitudine e questo mi dispiace. Ora se qualcuno parte gli mando un messaggio, dopo una lite mando un messaggio, non ricordo neanche l’emozione di comprare un francobollo, di imbucare la lettera e preparami ad un’attesa infinita.

Probabilmente sono solo io a fare questo tipo di riflessione, ma mi piacerebbe riprendere la bella abitudine di scrivere lettere, anche solo per la gioia di aver dedicato ad un mio caro più del mezzo minuto che avrei impiegato per scrivere il messaggio. Credo che le lettere siano molto meno impersonali e, a differenza di un messaggio nell’archivio di un telefono, una lettera speciale può essere sempre tenuta accanto al proprio cuore.

A presto, Erica.

2

Il primo passo.

Apro oggi questo blog in cerca di una nuova ispirazione. Se hai deciso di leggermi e deciderai di seguirmi mi piacerebbe coinvolgerti in piccoli momenti della mia vita che forse potrebbero regalarti idee o anche sono una piccola emozione. Non ho grandi pretese, ma spero di poter far crescere questo piccolo blog e di poter arrivare a chi è simile a me e, perché no, anche a chi in comune con me ha poco o niente!
Il prossimo post non sarà una vera e propria presentazione ma un’introduzione a quello che mi piacerebbe fare qui.
Come al solito sono riuscita a tirare quasi le cinque del mattino quindi ti saluto e ti auguro un sereno sentiero verso l’alba.
A presto, Erica.